Prima Pagina
Reg. Tribunale Lecce n. 662 del 01.07.1997
- ISSN 1973-252X
Direttore responsabile: Dario Cillo


Edscuola Board
Edscuola Board Discussion Forum.
Index / Educazione&Scuola© - Archivio Rassegne / Educazione&Scuola© - Rassegna Stampa (Archivio 2)
author message
Laboratorio Italia
Post a new topic Reply to this Topic Printable Version of this Topic
edscuola
Administrator
in Educazione&Scuola

View this member's profile
posts: 13944
since: 23 May, 2001
1. Laboratorio Italia
Reply to this topic with quote Modify your message
da La Stampa
20 marzo 2003

Laboratorio Italia
Internet e conoscenza per spendere bene le monete del potere

COM'È cambiata la società italiana al giro di boa del terzo millennio? E verso quali direzioni evolve? Ovviamente quest'ultima domanda non ambisce a una risposta certa; ma chi intenda misurarsi con le alternative, i nodi problematici, le sfide che ci attendono in futuro, ha adesso l'occasione di leggere un libretto di Carlo Carboni, sociologo non privo di sensibilità giuridica.
Sta di fatto che ci siamo lasciati ormai alle spalle il ventennio industriale (gli anni ླྀ e ྂ), nonché quello postfordista (gli anni ྌ e ྖ), per immergerci in un tempo «digitale», dove l'esperienza individuale e collettiva si dilata per effetto dei nuovi media, dove si moltiplicano i luoghi dello «scambio simbolico», dal circuito pubblicitario agli ipermercati, dai grandi eventi sportivi a quelli musicali. È un tempo rapido, questo che stiamo attraversando; e del resto la radio ci ha messo più o meno trent'anni per raggiungere un quarto delle famiglie italiane, la tv venti, dieci il computer, cinque il telefonino, mentre le connessioni a Internet diventeranno 35 milioni entro il prossimo biennio. Nasce da qui - osserva Carboni - l'incertezza che domina le nostre esistenze, rendendoci tutti più fragili e precari; e dal suo canto l'incertezza genera una crisi d'identità, poiché abbiamo rotto i vecchi vincoli d'appartenenza (alla classe, al villaggio, alla famiglia) senza sostituirli, senza fondare una nuova comunità che non sia meramente ipotetica e virtuale, come quella riflessa sullo schermo del pc. Siamo più soli, anche se possiamo connetterci l'un altro in un istante; più deboli nei confronti del potere, anche se in potenza la tecnologia ci consentirebbe di controllarlo meglio. Succede tuttavia il contrario: comunicazione, informazione e conoscenza sono le nuove monete del potere, e queste monete circolano poco, vanno in tasca a pochi. Ecco perché Carboni insiste sull'esigenza d'aggiornare il welfare, riproponendolo in chiave culturale e tecnologica. Non perché l'era digitale abbia d'un colpo cancellato i poveri: dopotutto, 3 milioni d'italiani vivono con meno di 559 euro al mese, mentre altri 8 milioni - dislocati per lo più nel Mezzogiorno - versano in stato di povertà «relativa». Ma tale condizione già adesso dipende (e sempre più dipenderà in futuro) dal grado d'alfabetizzazione, dalla capacità di sfruttare le risorse della tecnologia. E del resto la povertà culturale immediatamente si converte in povertà politica, nella mancanza di qualsiasi strumento di difesa verso l'inedita concentrazione di potere economico, mediatico e politico che ha il suo caposaldo proprio qui, nel «laboratorio Italia». È a questa scommessa, insomma, alla voglia d'investire in formazione, che si lega la nostra prossima qualità di cittadini, e perciò le sorti della polis. Sicché presto sapremo se siamo destinati ad essere soltanto i terminali della rete globale ovvero i suoi elementi attivi, propulsori. micheleainis@tin.it

Michele Ainis


http://www.edscuola.it
http://www.edscuola.com
Mail: redazione@edscuola.com
Date: 20 Mar, 2003 on 09:13
Laboratorio Italia
Post a new topic Reply to this Topic Printable Version of this Topic
All times are GMT +2. < Prev. Page | P.1 | Next Page >
Go to:
 

Powered by UltraBoard 2000 Personal Edition,
Copyright © UltraScripts.com, Inc. 1999-2000.

Archivio
Archivio Forum
Archivio Rassegne